PRP e i suoi benefici di perdita dei capelli

Ci sono stati molti importanti sviluppi nel mondo della proloterapia, negli ultimi due anni. Una recente ricerca sperimentale ha apparentemente giustificato un nuovo post sull’argomento, che sta evidentemente suggerendo che le iniezioni di PRP accoppiate con cellule staminali possono raddoppiare la rapida crescita dei capelli rispetto alle iniezioni di PRP da sole. Ma molti di noi non sono ancora in grado di distinguere tra i due e quindi l’attuale redazione è stata pensata per fornire una breve spiegazione della sua efficacia.

Il PRP o un plasma ricco di piastrine è una frazione arricchita del sangue con piastrine sospese, globuli bianchi e globuli rossi. Le piastrine sono state identificate per secernere un numero di buoni fattori di crescita, che sono sicuramente responsabili di stimolare la crescita dei capelli, quando iniettati nel cuoio capelluto. Tuttavia, la ricerca ha inoltre suggerito che non tutti i PRP possono avere lo stesso impatto sulla crescita dei capelli; infatti, la caduta dei capelli può essere fermata solo se è stata incorporata una tecnologia più sofisticata e aggiornata, in cui la concentrazione della piastrina non sarà raggiunta più di 5 o 10 livelli X. È stato anche evidente che il plasma ricco di piastrine quando isolato e infuso nuovamente nel cuoio capelluto del paziente, i suoi fattori di crescita secreti iniziano a degradarsi immediatamente, interrompendo così ulteriori benefici per il diradamento dei capelli. È un dato di fatto, le iniezioni di PRP sono state offerte per essere ripetute 2-3 volte l’anno per massimizzare i suoi benefici.

Al contrario, è stato scoperto che l’approccio combinatorio di accoppiamento di cellule staminali isolate dal grasso del paziente ha una migliore sostenibilità con crescita e consistenza dei capelli effettivamente migliorate nel tempo. Queste cellule staminali possono infatti fungere da ottima matrice proteica o supporto, per reclutare altre cellule immunoregolatorie del corpo, fattori di crescita interna e proteine ​​curative; per offrire nutrimenti continui ai follicoli piliferi indeboliti. Inoltre, le proprietà angiogeniche delle cellule staminali possono effettivamente favorire l’afflusso di sangue ossigenato ai follicoli morenti, al fine di prevenire un’ulteriore perdita di capelli o calvizie.

Mentre si studiano le frequenti cause della caduta dei capelli , è stato abbastanza evidente che le vie di segnalazione responsabili della circolazione dei messaggi chimici da e verso i follicoli piliferi vengono interrotte a causa della predisposizione genetica e del danno ambientale. Pertanto, un calo follicolare dei peli prematuri può essere associato a un massiccio diradamento dei capelli, perdita di capelli e / o calvizie .

Il plasma ricco di piastrine e le cellule staminali autologhe isolate dal grasso dei pazienti possono creare una combinazione unica per consentire la segnalazione di messaggeri chimici che sono stati fermati; sebbene contrazione a livelli genetici. Per una maggiore efficacia e risultati visibili del trattamento, è obbligatorio infondere cellule staminali e cocktail PRP, a una concentrazione ottimizzata e nelle aree cruciali dei follicoli piliferi; dove la concentrazione di cellule staminali native è la più alta. Questo approccio unico risulta essere il più adatto ad attivare i centri di crescita follicolare ai diversi livelli del cuoio capelluto per dare origine a fasci di capelli più spessi e più robusti.
Anche se sono in corso ricerche più approfondite e il trattamento migliore deve ancora arrivare, con lo scenario attuale; la proloterapia associata all’infusione di cellule staminali è risultata essere l’adiuvante più prezioso per la caduta dei capelli.

The Youthful Me