Corpo vergognoso

Non è una novità che le ragazze siano molto emotive, e quindi nella maggior parte delle volte il nostro approccio alle cose è generalmente dal punto di vista emotivo, non razionale. (Questo non significa sempre e ovunque, questo significa nella maggior parte delle volte). Un altro fatto delle ragazze è che sono molto dettagliate e ci teniamo davvero al nostro aspetto. CON TUTTI I DETTAGLI. Ogni giorno dopo il risveglio ci preoccupiamo di cosa indosseremo, di che colore, perché quel colore, che tipo di look vogliamo avere, è casual, di classe, prepotente, il look “Non mi interessa” , sexy, attraente, serio e scegliamo i nostri vestiti tenendo conto di tutto ciò. Scegliamo anche il nostro trucco con molta attenzione, come vogliamo che siano i nostri occhi, il colore del nostro rossetto e così via e così via.

Quindi, abbiamo lasciato la casa e siamo felici con noi stessi, pensiamo di essere meravigliosi, siamo pronti per il nuovo giorno, le nuove opportunità e le nuove scoperte e incontriamo qualcuno che ci fa vergognare nel mezzo del strada, in ufficio, al club, nel negozio, OVUNQUE. C’è sempre quella persona che ci fa sentire il corpo – ci vergogna dicendo che sembriamo guadagnare qualche chilo o che sembriamo perdere qualche chilo e ora sembriamo così scemi da essere magri! Oppure ci viene detto che il colore dei nostri capelli non corrisponde davvero a noi, o che siamo troppo corti, oppure “Abbiamo davvero avuto quel tatuaggio? Che cosa? Perché l’abbiamo fatto al nostro corpo !! “. Il cerchio potrebbe continuare. Tuttavia sappiamo tutti che non si tratta di ciò che accade, ma di come lo prendiamo. E davvero, come lo prendiamo?

Personalmente sono stato svergognato per tutta la vita per non essere magro – dai miei genitori, dai miei parenti, dai miei amici, dai collage, dai compagni di classe di tutti! E come l’ho preso è stato più triste di quello che hanno detto. Potrei arrabbiarmi molto, molto, molto, potrei iniziare a odiare me stesso, a pensare di essere indegno e non riuscirò mai nella mia vita perché non sembro un modello Vago, sono così Insomma, non sono magro, non ho nessuna caratteristica facciale unica, sembro un normale mortale. Ed è stato davvero interessante per me il modo in cui altre persone, forse ragazze come me, prendono questa cosa che chiamiamo “body – shaming”.

Secondo la mia ricerca, da parte di persone che conosco il 73% delle donne viene regolarmente svergognato, si sente arrabbiato, deluso, timido, triste, strano, insoddisfatto, insicuro, imbarazzato, disagio, nervoso, irritato, malato, colpevole, inutile, spaventato , dubbioso.

AVETE LETTO TUTTI QUESTI GLI AGGETTIVI? Ecco come si sentono le persone dopo che qualcuno “Sembra che tu abbia guadagnato un po ‘di peso” o “Hai visto il colore dei tuoi capelli, ahah?”

Il body shaming è una cosa nelle nostre società e il modo in cui trattiamo le persone dovrebbe essere aggiornato e pensato – secondo la mia opinione personale. La nostra moralità dipende principalmente dal modo in cui trattiamo gli altri e personalmente non vorrei che qualcuno sentisse una di queste parole con le mie parole. Il 42% delle donne è vergognoso per il loro peso e questo accade perché lo stigma sociale nelle nostre società è anti-grasso. Il 20% delle persone è vergognoso per la propria altezza e il 20% per le caratteristiche del viso.

Abbiamo due lati qui: corpo – shamers e body – persone vergognose.

Come dovremmo risolverlo?

Suggerisco che coloro che si vergognano del corpo per qualsiasi motivo possano fare due cose.

1. Inizia a fare del suo meglio per cambiare e diventare una persona di cui è soddisfatto. Ripeto, per diventare la persona di cui sono soddisfatti, non la persona che tutti vogliono vedere.

Se hai un peso aggiuntivo: vai in palestra, inizia la dieta, dimagrisci, indossa quel vestito e sentiti felice e soddisfatto del tuo corpo e di te stesso.

2. Accetta te stesso, come te stesso, che ama te stesso e inizia a vivere una vita su cui nessuno può influenzare con i loro commenti e feedback. Inizia ad essere felice con come sei e chi sei e dai un calcio come nessuno!

Credo che quelli siano i veri approcci al body – shaming. Se ti fa male, devi cambiare te stesso, quindi ti sentirai bene. Se sei mentalmente e psicologicamente pronto a ignorare l’opinione della gente su di te e sai che puoi stare bene senza cambiare semplicemente dandoti l’amore di cui hai bisogno – fallo!

Questo è più semplice di quanto pensiamo.

Voglio ricordare ancora una volta che nessuna di queste cose dovrebbe essere fatta per “adattarsi”, per gli altri, per ricevere un buon feedback, tutto ciò che facciamo nella / con la nostra vita dovrebbe essere la nostra PROPRIA decisione, per i nostri PROPRI bisogni e per il nostro PROPRIO conforto e felicità.

La seconda parte è il corpo – shamers. L’eterna domanda: perché? Perché scegliamo il corpo – vergogniamo le persone?

Il fatto è che anche quelli che si vergognano del corpo sono pronti al corpo – vergognano gli altri. Può succedere inconsciamente, in un minuto, vedi qualcuno che non ti piace e dici “Guarda quel naso! terribile ! “. Quindi da dove viene e perché scegliamo il corpo – vergogniamo che qualcuno si senta bene?

Il fatto è che non chiamiamo soggetti con il loro vero nome. Forse siamo arrabbiati con qualcuno non per il suo aspetto, ma per un incidente accaduto, ma scegliamo di etichettare la persona con come sembrano ferirla di più. Vorrei essere più chiaro. Se incontriamo una nuova persona e quella persona è molto sarcastica, ansiosa e non ha un buon atteggiamento nei nostri confronti, non lo diciamo. “Non mi piace quanto sia sarcastica questa persona”, diciamo “Guarda il suo naso grosso e quella figura! Pensa mai al suo corpo? ”. Questo è vero, questo è davvero ciò che facciamo. È difficile per noi riconoscere che le persone non sono maleducate a causa delle loro “insicurezze”, è più mentale che fisica. Se iniziamo a mettere in discussione le nostre stesse intenzioni durante il corpo – vergognando qualcuno, noteremo anche che non è mai il peso, l’altezza o i tatuaggi di qualcuno, il 90% dei casi è più attitudine. Quindi iniziamo dalla denominazione corretta delle cose.

Da quando inizieremo a prestare attenzione a questo, inizieremo a notare quante volte noi e i nostri amici facciamo corpo – vergogniamo le persone senza nemmeno esserne consapevoli. Dò tanta importanza a questo argomento solo a causa degli aggettivi sopra menzionati. Vogliamo davvero far sentire gli altri arrabbiati, delusi, timidi, tristi, strani, insoddisfatti …?

C’è anche un altro tipo di corpo – i shamers, che preferiscono il corpo – si vergognano di non essere il proprio corpo – si vergognano di se stessi. Quel tipo è davvero divertente per me (mi dispiace: D). Ad esempio sanno di essersi asciugati i capelli in qualcosa che non sembra molto carino su di loro (non gli affari di nessuno, ovviamente), ma sanno che le persone sono maleducate e si vergogneranno per quello, quindi scelgono di essere il primo. Questo è anche un altro problema tra le persone che noto sempre e di cui rido sempre. Fai male a non farti male: DD

Il messaggio di questo articolo è il seguente. “Non riguarda ciò che dicono gli altri, riguarda te, riguarda sempre te, cara. Il cambiamento non è una brutta cosa, ma devi sapere perché stai cambiando. Stai cercando di cambiare te stesso per compiacere gli altri o per compiacere te stesso? Stai cercando di uscire dalla tua zona di comfort per gli altri o per te stesso? Stai diventando te o ti stai inserendo? Prima di provare a trovare le risposte, assicurati di porre le domande giuste ❤