Una lettera al mio corpo di 14 anni nel suo primo periodo

Sulla femminilità e il cambiamento …

Caro corpo,

Spero che questa lettera racchiuda tutto ciò che ho dovuto dirti da quando mi hai dato il mio primo segno di femminilità. Spero che compensi tutte le volte che ti ho urlato per essere stato in ritardo e avermi lasciato piatto come la terra mentre Naza e il suo gemello stavano già indossando reggiseni. Ero confuso e ferito e volevo adattarmi così male che non ti trattavo bene.

Il giorno in cui finalmente mi hai inviato il mio primo segno di femminilità, ero così estatico che ho registrato il diario per tutto il ciclo. Non vedevo l’ora e desideravo vedere gli altri cambiamenti che la femminilità avrebbe portato. Ci sono altre cose per cui mi dispiace. Mi dispiace non amare la tua natura atletica, per aver costantemente litigato per non avere curve e, soprattutto, ossessionato dall’ottenere una rinoplastica per affrontare l’estetica del mio naso e la respirazione forte.

Poiché sto scrivendo dal futuro, c’è sicuramente un elenco di cose per le quali devo prepararti, cose di cui non ho mai parlato ad alta voce prima.

Ti arrabbierò nei prossimi dieci anni. Ti biasimerò per cose che non hai fatto. Ti lascerò passare attraverso alcune terribili procedure mediche in modo che entrambi possiamo rimanere vivi. Ti lascerò vivere una nuova vita per molti mesi, solo per biasimarti per essere un cattivo ospite e per averlo strangolato. Non ti odierò per non solo giorni, né mesi, ma per molti anni. Sarò così infastidito che non fai abbastanza sangue per sostenerci e mantenerci in salute.

Il peggio di tutto è che ti sottoporrò a molto dolore, no grazie agli attacchi di panico e alla fame più spaventosi. Piangerò e farò del male per la caduta cronica dei capelli e mi chiederò perché le cellule della pelle debbano morire 10 volte più velocemente delle normali cellule della pelle. Non dimentichiamo le smagliature, mi chiederò come le hai ottenute!

Allora inizierò ad amarti.

Inizierò a vederti brillare al sole. Inizierò a parlarti gentilmente. Inizierò a vivere comodamente in te. Sei il mio tempio e sei bella così come sei. Alla fine inizierai ad espandersi in alcuni punti. Prenderai una forma diversa. Inizierai a cambiare in un modo molto diverso. Per essere onesti, perderai più capelli, ma sarò abbastanza a mio agio da lasciarmi andare tutti i capelli sulla testa. Ti condividerò spudoratamente con Leo, ti tratta magnificamente come io ora ti tratto. Ti adora. Pensa che le nostre smagliature siano come un’opera d’arte su una tela.

Ti amo, corpo. Hai superato gli anni in conflitto. Hai superato le cicatrici. Hai superato i trattamenti con radiazioni. Hai superato l’abuso. Hai superato il dolore.

Sei bello. Rimarrai bello anche dopo molti decenni a venire.

Amore,
Lo spirito che ospiterai da un decennio in poi